fbpx
19 Novembre 2020

Al di là della persona; verso il sacro?

C'è uno scritto, piccino e luminoso, che da solo basterebbe a garantire a Simone Weil una presenza eterna nel Pantheon degli uomini: “la persona e il sacro”.
4 Novembre 2020

“Oltre”. Il commento di Giorgio Kiaris a “Oltre la tela”.

"Oltre". Il commento di Giorgio Kiaris, pittore e Presidente della Fondazione Gastone Biggi, a "Oltre la tela" di Anthony Molino. "Le parole di ciascun artista si incastrano in una sorta di puzzle variegato e costruiscono un immaginario “altro”, in un vasto insieme di tutto quello che l’Arte stessa è da sempre: un mistero".
28 Ottobre 2020

‘Terra che cura.’ “Semplicemente” di Manuela Zingone su mantrayoga.it

‘Terra che cura.’ “Semplicemente” di Manuela Zingone su mantrayoga.it: "Terra come Madre. Terra come fonte di vita. Terra che nutre e protegge. Terra che nasconde e avvolge con amore. Terra che lenisce, terra che cura. [...]"
27 Ottobre 2020

Alcuni pensano che l’amore…

Quando è veramente amore, l'amore può parlare solo i pensieri della luna, oppure quelli del mare; non sa niente di quello che noi crediamo sia utile sapere.
14 Ottobre 2020

Fede

In principio è la fede. Perché la fede decide quello che deve ex-sistere, e quello che deve restare nel “nulla”.
11 Agosto 2020

“Virus e tempo sospeso: Claudio Comandini analizza il momento” (Il Tuscolo)

"Virus e tempo sospeso: Claudio Comandini analizza il momento" (Il Tuscolo)
9 Luglio 2020

Intervista a Giovanni Liberato su LaNotizia.Net

Su www.lanotizia.net, Cristiano Vignali intervista Giovanni Liberato, autore de "La via celeste - Il filo rosso del destino".
2 Luglio 2020

Storie a catinelle: recensione per “Racconti” di Chiara Marena

“Il lettore si perde nei meandri di storie che, all’inizio, sembrano ordinarie e autobiografiche, ma poi partono per la tangente, disfacendosi in mille rivoli e assumendo i tratti del comico e dell’assurdo.”
11 Giugno 2020

Recensione de “Le strade dell’Apartheid” di Luca Greco su riccardoperini.it

"Il libro usa parole e immagini come atto di resistenza, come strumento per strappare all’oblio della storia le storie di questi popoli vinti ma non sconfitti. Le storie di uomini e donne che ancora oggi continuano a resistere e a lottare. Il filo conduttore lega e accomuna queste storie è infatti la segregazione fisica e mentale nella quale sono costretti a vivere la loro quotidianità." (Da riccardoperini.it)
8 Giugno 2020

Nuova recensione per “Aggredior Virus” sul blog Variazioni

"L’autore di Aggredior virus [...], pur senza ergersi da pulpiti, si presenta come uno studioso attorniato dalla sua ‘caverna’ di saperi mentre spiega nel modo più chiaro possibile la distopia nella quale ci siamo trovati a vivere da un giorno all’altro e che ha desertificato le strade lasciandoci come organismi primari a poter comprare un po’ di cibo e quel poco altro ‘utile’, deciso da altri, ad una risibile sopravvivenza. " Da variazioni286450722.wordpress.com.