fbpx
SCHEDA TECNICA

Collana: Nuova Babele
Numero collana: 24
Formato: 15 x 21
Pagine: 176
Prezzo: € 15,00
ISBN: 9788832115710
Uscita: ottobre 2021

Bruno Bene

UN ANNO PARTICOLARE

Anno 1952. Durante i sette anni dalla fine della 2° guerra mondiale, sono accadute molte cose: il Plebiscito nel ’46 con la tribolata scelta della repubblica al posto della monarchia, l’amnistia generale di tutti i criminali di guerra, compresi quelli della guerra civile, prime libere elezioni del ’48, l’attentato a Togliatti con lo spauracchio di una nuova guerra civile, la lenta rinascita del Paese. Malgrado tutto questo, ci sono ancora rigurgiti di odio sia contro i fascisti che contro i democristiani, ritenuti un’appendice del Fascismo colorato di bianco. In questo contesto nasce una storia d’amore tra uno studente e una professoressa di trentotto anni. Lei si porta dietro, a causa del marito appartenente alla polizia fascista, i fantasmi di Roma città aperta. Proprio per la posizione del consorte che alla caduta del Fascismo è passato al servizio della Gestapo, lei conduce una vita brillante e gaudente. Lo studente, suo pupillo, dopo la guerra è un frequentatore della sua casa ai Castelli Romani. La professoressa, fortuitamente, trova tracce inequivocabili della losca attività del consorte, oltretutto infedele e violento. Il giovane, figlio di rivoluzionari comunisti, con uno zio compagno di prigione di Gramsci, ora deus ex machina politico della zona, rivela tutto a loro i quali uccidono il marito in un’imboscata. Tra tutto questo bailamme, l’amore dei due va oltre ogni aspettativa. La storia è in parte vera, meno l’assassinio del consorte della professoressa, avvenuta subito dopo il crollo del Fascismo il 25 luglio ’43.

“Questo romanzo è dedicato a Marco Moscati, membro della cellula partigiana dei Castelli Romani, assassinato insieme a suo fratello Emanuele alle Fosse Ardeatine, con altri 333 innocenti. Onore a loro.”


Bruno Di Benedetto, in arte Bruno Bene, è nato a Roma nel 1934.
All’età di diciotto anni ha iniziato a scrivere i primi racconti, le prime spigolature, piccoli saggi sulla letteratura e alcuni articoli di giornali che nel 1975, di ritorno dall’Australia, ha ritrovato in una cassapanca a casa dei suoi genitori: ne ha fatto tre raccolte con il titolo Il tempo ritrovato, mai pubblicate. Il suo primo romanzo, Il Complotto, anche esso mai pubblicato, è stato scritto a Melbourne nel 1970.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *