fbpx
SCHEDA TECNICA

Formato: 15 x 21
Pagine: 88
Prezzo: € 15,00
ISBN: 978-88-32115-25-3
Uscita: marzo 2020

Paul Coyer

L'etica del nazionalismo

La prima versione di questo saggio è stata pubblicata dalla National Defense University Press, che ha generosamente concesso i diritti per la sua pubblicazione in Italia.

Nonostante il desiderio delle élites globaliste, il nazionalismo non è scomparso, né destinato a scomparire; al contrario, continuerà ad essere un fattore fondamentale nel disegnare le politiche globali. Il commentario odierno sul nazionalismo è una forma di pensiero unico. Ma il nazionalismo non è una forza uniformemente ed evidentemente oscura; considerarlo tale significa “buttare il bambino con l’acqua sporca”. Esiste un valore nei legami di comunità nazionale, poiché essi sono un bene morale e contribuiscono alla dignità umana e alla prosperità delle società organizzate. Questo gap di percezione tra le élites globaliste e gli elettorati interni è una delle principali ragioni delle crisi politiche contemporanee. Questo conflitto porta in ultima istanza ad indebolire l’Occidente internamente e ad indebolire la sua capacità di essere una forza benefica sul palcoscenico mondiale.

Paul Coyer è ricercatore all’Institute of World Politics di Washington, DC e professore associato all’Ecole Militaire de Saint Cyr. È anche Non-Resident Senior Fellow di Italia-Atlantica, un think tank con sede a Roma, che promuove le relazioni transatlantiche e l’allineamento strategico bilaterale agli USA. Paul si interessa di Russia, Cina, nazionalismo e del ruolo della religione nella elaborazione della politica estera e nelle svolgimento delle relazioni internazionali. Scrive per la stampa internazionale (Washington Times, The Imaginative Conservative, Azeri Today, Kiev Post) e per la stampa specializzata (Conflits: Revue de Geopolitique); pubblica inoltre per la National Defense University Press e la Oxford University Press.

Paul ha lavorato a Capitol Hill presso il Senato USA e ha contribuito alla sezione di politica estera del manifesto del Partito Repubblicano del 2016. È membro dell’Istituto Internazionale di Studi Strategici. Ha conseguito un M.A. a Yale, un M.A. e un Ph.D. alla London School of Economics and Political Sciences. Vive in Virginia con la moglie, una violinista venezuelana.

Presentazioni